Frutto della ricerca sul campo, le varietà Kefieros prevede trattamenti che rispondono alle esigenze del biologico

L’innovazione di KWS porta in Italia nuove soluzioni per l’agricoltura biologica. L’azienda leader nella ricerca, produzione e commercializzazione di semi presenta per il 2018 la nuova varietà Kefieros, ibrido di mais medio-tardivo (FAO 500) che affianca per la linea bio il Ronaldinio Oko (FAO 200). Dalle eccellenti potenzialità produttive, Kefieros prevede metodi di trattamento che rispettano le linee guida della selezione biologica.

Il nuovo prodotto di KWS nasce a Klostergut Wiebrechtshausen, un vecchio monastero della Bassa Sassonia che l’azienda ha trasformato nel 2002 in un centro di ricerca all’avanguardia per la sperimentazione nel settore biologico. Presso questo centro, KWS è in grado di sviluppare gli ibridi più idonei grazie a un ampio programma di test che prevede prove sul campo in diverse località, che consentono quindi di studiarne l’adattamento ai vari ambienti di semina, e il confronto dei risultati raggiunti con quelli ottenuti dalle varietà più performanti e già presenti sul mercato.

Per rispondere alle esigenze dell’agricoltura biologica, la ricerca di KWS si concentra nella selezione di varietà in grado di assorbire al meglio i nutrienti anche in situazioni di stress e quindi capaci di compensare le carenze nutrizionali temporanee. L’adattamento ottimale ai nutrienti consente così una maggiore resistenza alle malattie da parte della pianta, offrendo un raccolto stabile e di alta qualità.

Dopo, Kefieros va quindi ad arricchire la gamma di prodotti pensati per il bio, affiancandosi a Ronaldinio Oko, già presente a catalogo. Con questi ibridi KWS garantisce agli agricoltori semi in grado di mantenere alti valori di germinazione e vigore durante tutta la fase iniziale di crescita e dal basso contenuto di patogeni naturali, rispettando le norme del regolamento UE in materia di agricoltura biologica.

KWS è un’azienda leader nel settore sementiero, impegnata da 160 anni nella ricerca, produzione e commercializzazione di semi per l’agricoltura. Nata in Germania nel 1856 e presente oggi in 70 paesi nel mondo, KWS ha scelto di restare un gruppo indipendente: ancora oggi il 56% della quota azionaria è in possesso delle tre famiglie fondatrici. Indipendenza e libertà decisionale sono i pilastri su cui si basa l’attività di KWS a garanzia degli agricoltori. KWS è specializzata nella produzione di sementi di mais, barbabietola da zucchero, cereali, girasole, colza e sorgo. I principali mercati in cui opera sono l’Europa, l’America settentrionale e meridionale, il Medio Oriente e la Cina. KWS ha chiuso l’anno finanziario 2016/17 con un giro d’affari di 1,075 miliardi di euro.

KWS in Italia – Presente nel nostro paese dal 1961, KWS ha sede a Forlì e opera con un centro di ricerca e sviluppo a Monselice, in provincia di Padova. Nelle due filiali sono impiegate oltre 200 persone che si occupano di ricerca, produzione e vendita delle sementi, oltre alla parte amministrativa.

Milano, 26 Febbraio 2018