Dalla montagna con più sapore
Eberhofer: qualità buona e sapore delizioso. Al via la commercializzazione

Nel cuore della Val Venosta, c’è una piccola Valle dove crescono frutti di lunga e appassionata tradizione. Qui, grazie ad una più lenta e preziosa maturazione, le Fragole che acquistano lentamente il loro sapore unico ed inconfondibile.

”Le temperature fredde della primavera 2018 hanno portato ad un ritardo nell’inizio della commercializzazione delle fragole, – spiega Gerhard Eberhöfer, Responsabile Vendite fragole e piccoli frutti VI.P, l’Associazione produttori Ortofrutticoli della Val Venosta.

La vendita quest’anno è iniziata nella terza settimana di giugno e le previsioni dei quantitativi sono in leggero aumento rispetto allo scorso anno: ci aspettiamo una raccolta di circa 400-450 tonnellate.

Questa crescita è determinata dal fatto che le piante quest’inverno non hanno subito danni da freddo né da gelo: circa il 40% delle nostre coltivazioni è “sotto tetto” riparato da eventi atmosferici, mentre il 60% è all’aperto, e le temperature calde di queste ultime settimane prima della raccolta, ci permettono di offrire un prodotto senza imperfezioni.

Siamo ottimisti: la qualità delle fragole è buona, il sapore è delizioso e la disponibilità verrà garantita, precisa Eberhöfer.

Le Fragole delle Val Martello saranno presenti fino ad agosto e verranno commercializzate presso la DO e la GDO italiana e nei maggiori mercati ortofrutticoli del Nord e Centro Italia.”

Gerhard Eberhöfer Responsabile Vendite Fragole e piccoli frutti VI.P. ©

Una regione così generosa come la Val Venosta non poteva fermarsi alla produzione di mele eccezionali, ma negli ultimi anni i contadini, attenti ed appassionati, hanno ampliato l’assortimento dei prodotti valorizzando anche la coltivazione dei piccoli frutti.

“Quest’anno abbiamo qualche piccolo frutto in più – conclude Eberhöfer – lamponi, more, ribes e mirtilli che crescono in tutto il loro splendore in Val Martello, dove la particolare altitudine ne rallenta la maturazione accentuandone l’aroma: piccoli numeri, ma dal sapore eccezionale, autentico e di grande qualità!”

Val Venosta, 21 giugno 2018